Sindacale

Obbligo GREEN PASS base

28 Gennaio 2022

Le categorie obbligate dal 1° febbraio, i casi particolari e le informative

Come certamente è a conoscenza il D.L. 7 Gennaio 2022 n.1 ha previsto, a far data dal 1° febbraio, l’obbligo di possesso del Green pass base per l’accesso a:

  • Pubblici Uffici
  • Servizi postali, bancari e finanziari
  • Attività commerciali con esclusione di quelle essenziali e primarie per le persone

Il successivo DPCM 21/01/2022 ha definito le attività alimentari e di prima necessità per le quali è consentito l’accesso “libero” senza, quindi, alcun possesso di Green Pass.

Si tratta di esclusivamente di attività commerciali (dettaglio) di:

  • Commercio al dettaglio in esercizi specializzati e non specializzati di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount alimentare, minimercati e altri esercizi di alimenti vari, escluso in ogni i caso il consumo sul posto.
  • Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
  • Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
  • Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie, parafarmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica)
  • Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in centri specializzati
  • Commercio al dettaglio di materiale per ottica
  • Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento

Questo obbligo si aggiunge a quello relativo ai Servizi alla Persona (Acconciatori, Estetiste, Tatuatori, Lavanderie Pompe Funebri) entrato in vigore lo scorso 20 Gennaio. .

Precedentemente erano stati fissati obblighi di possesso di Green Pass Rafforzato per Servizi alla Ristorazione, eventi, attività sportive etc.

Al fine di verificare i vari obblighi di possesso di Green Pass .è opportuno far riferimento all’ elenco predisposto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che, però, allo stato attuale è aggiornato al 18 gennaio, senza quindi gli obblighi previsti con decorrenza 1 febbraio – clicca qui per scaricare il documento

CHIARIMENTI E CASI PARTICOLARI

Attività artigiane con punto vendita al dettaglio: sono soggette all’obbligo dal 1° febbraio

Al riguardo delle attività commerciali sia il D.L. 1/2022 che il DPCM 21/01/2022 fanno riferimento a quelle di commercio al dettaglio, considerando fra queste anche quelle secondarie ad altre attività se svolte negli stessi locali.
Sono quindi soggetti all’obbligo, ad esempio, un impiantista che effettua la vendita al dettaglio di materiale elettrico o per l’illuminazione, un riparatore di materiale elettronico che effettua la vendita al dettaglio di computer, telefonini…, un laboratorio di oreficeria od orologeria che effettua la vendita al dettaglio di prodotti non propri, un autoriparatore che venda al dettaglio parti di ricambio di autoveicoli o che abbia vendita di autoveicoli ecc .

Commercio all’ingrosso: obbligo dal 15 ottobre 2021

Per l’attività di commercio all’ingrosso l’obbligo di possesso del Green pass e di verifica sussiste dal 15 ottobre 2021 poiché la tipologia di vendita, per sua natura, è rivolta esclusivamente a coloro che effettuano una attività lavorativa e quindi obbligati ad avere green pass valido da tale data.

Obbligo di controllo di Green pass all’ingresso dei locali: non necessario se svolto in altre modalità definite da procedura aziendale

I titolari degli esercizi commerciali, per i quali è richiesto il green pass base per l’accesso ai locali, non devono effettuare necessariamente i controlli sul possesso di green pass base all’ingresso, ma possono svolgerli successivamente all’ingresso della clientela nei locali, anche a campione (faq Presidenza Consiglio dei Ministri ).
Su tale indicazione è opportuno sottolineare che, ai fini di non incorrere in sanzioni amministrative e in eventuali contenziosi con gli enti preposti alla vigilanza, è opportuno ( necessario !!) predisporre una procedura aziendale che determini le modalità di verifica, diverse da quella all’ingresso, con modalità analoghe a quelle previste per la verifica a campione dei lavoratori.
Gli uffici dell’associazione sono a disposizione per analizzare eventuali esigenze delle aziende.

Attività al dettaglio di commercio alimentare non specializzato: nessuna limitazione di vendita prodotti

L’accesso a detti esercizi (ipermercati, supermercati, discount alimentare, minimercati) consente l’acquisto di qualsiasi tipo di merce, anche se non legata al soddisfacimento delle esigenze essenziali e primarie dell’acquirente, individuate dal DPCM.

Attività al dettaglio di commercio alimentare: divieto di consumo sul posto per soggetti privi di Green Pass

I titolari di esercizi commerciali di vendita di prodotti alimentari e bevande (specializzati e non specializzati) devono verificare che i soggetti privi di Green Pass non consumino alimenti e bevande sul posto e non devono effettuare ulteriori controlli.

Green Pass per i lavoratori occupati in strutture ove per l’accesso è necessario il Green Passa Rafforzato: solo il base

Ai lavoratori impiegati presso strutture ed attività per le quali è richiesto il green pass rafforzato (tra cui a titolo esemplificativo, alberghi, convegni, congressi, sagre, ristoranti, musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre, piscine, centri natatori, palestre, centri benessere, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali, centri sociali e ricreativi, sale gioco, scommesse, bingo e casinò) è richiesto solo il green pass “base” e non quello rafforzato, che sarà invece obbligatorio per i soli lavoratori ultracinquantenni a decorrere dal 15 febbraio 2022.

INFORMATIVE E CARTELLI  PER LA CLIENTELA

Sono stati predisposti alcuni stampati informativi che riassumono, in un unico cartello, gli obblighi per una determinata categoria di aziende in capo alla clientela “non professionale”.
  • clicca qui per Attività senza obbligo di Green Pass
  • clicca qui per Attività soggetta a Green Pass Base ( servizi alla persona, attività commerciali di vendita al dettaglio …)
  • clicca qui per Attività soggetta a Green Pass Rafforzato senza obbligo mascherina FFP2 (alberghi, convegni, palestre, centri benessere, centri culturali, sociali, sale gioco…)
  • clicca qui per attività soggette a Green pass Rafforzato con obbligo mascherina FFP2 (spettacoli aperti al pubblico (all’aperto e al chiuso), eventi e competizioni sportive…)
  • clicca qui per Pubblico Esercizio (Bar Ristorante)
  • clicca qui per Attività d’asporto (in attività miste artigiane/pubblico esercizio o in ristoranti e bar per lo specifico servizio)

Nello spazio previsto di indicazione del numero massimo di persone ammesse nei locali è importante indicare il numero già precedentemente indicato nei vecchi cartelli

Nel caso di aziende con attività mista nelle quali vengono svolte, negli stessi locali, attività soggette a prescrizioni diverse per l’accesso, è necessario individuare le aree dove si svolge l’attività con diversa tipologia di informativa posta nelle autonome porte d’ingresso o che delimitino le singole aree.

Fra queste, per esempio:

  • Pasticcerie e gelaterie d’asporto con attività di somministrazione di alimenti e bevande
  • Panifici con attività di somministrazione di alimenti e bevande
  • Tabaccherie e vendita di giornali e riviste annesse ad attività di somministrazione alimenti e bevande
I Clienti Professionali (che svolgono una attività lavorativa), consulenti, manutentori, trasportatori, sono considerati lavoratori, e pertanto sono soggetti alla specifica normativa per l’accesso ai luoghi di lavoro . clicca qui per scaricare l’avviso

Si ricordano le modalità operative per il controllo dei Green Pass

Le verifiche del possesso del green pass “base” ai propri clienti dovranno essere effettuate dai relativi titolari, gestori o responsabili opportunamente delegati ( clicca qui per scaricare il fac simile di delega) tramite l’APP Verifica Green Pass (scegliendo l’opzione BASE O RAFFORZATO) in base alla tipologia dell’attività).

La verifica dovrà essere effettuata solo mediante l’applicazione da smartphone (APP VerificaC-19), poichè solo tale modalità rispetta le indicazioni dell’Autorità Garante per la Privacy.

L’applicazione VerificaC19 é scaricabile da uno dei seguenti link, a seconda del sistema usato (IOS o ANDROID):

1.IOS https://apps.apple.com/it/app/verificac19/id1565800117

2.ANDROID https://play.google.com/store/apps/details?id=it.ministerodellasalute.verificaC19&hl=it&gl=US

Si fa presente che i bambini sotto i 12 anni sono esclusi dall’obbligo di presentazione della certificazione verde Covid-19 per accedere alle attività e servizi per i quali nel nostro Paese è invece necessario il “green pass”.