Sindacale

SETTORE BENESSERE: NOVITA’ SU VENDITA DI PRODOTTI PRESSO IL PROPRIO NEGOZIO

19 Marzo 2021

Facendo seguito alla nostra comunicazione di ieri, si comunica che al nostro quesito:

Posto che il DPCM 2 marzo 2021 consente anche nelle zone rosse l’attività di “commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati” (codice Ateco 47.75), in quanto contenuta nell’Allegato 23 del decreto medesimo, si è a chiedere se in zona rossa è consentita la vendita di cosmetici e prodotti di profumeria anche all’interno dei saloni degli acconciatori e delle estetiste in possesso della licenza commerciale per la vendita di tali prodotti?

la Prefettura di Venezia ha così risposto:

L’art. 47 del DPCM 2 marzo 2021 prevede nella zona rossa la sospensione delle attività inerenti servizi alla persona, ad eccezione di quelle indicate nell’allegato 24 dello stesso Decreto. Attualmente, dunque, in Veneto i locali degli acconciatori e delle estetiste non sono accessibili al pubblico. Premesso quanto sopra, si fa presente che alcune FAQ pubblicate sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri forniscono dei chiarimenti in merito al commercio al dettaglio. In particolare, si precisa che è consentita la consegna dei prodotti a domicilio, nel rispetto dei requisiti igienico sanitari sia per il confezionamento che per il trasporto, ma con vendita a distanza senza riapertura del locale. Chi organizza le attività di consegna a domicilio – lo stesso esercente o una cd. piattaforma – deve evitare che al momento della consegna ci siano contatti personali a distanza inferiore a quella stabilita. Inoltre, il commercio al dettaglio degli articoli di cui all’allegato 23 del DPCM è consentito anche nella forma della vendita diretta presso il domicilio del consumatore privato, previo appuntamento e nel rispetto delle misure igienico-sanitarie concernenti l’uso della mascherina e il rispetto della distanza interpersonale prevista. Pertanto, si può ritenere che attualmente in zona rossa gli acconciatori e le estetiste possono vendere i prodotti di cui all’allegato 23 del DPCM mediante spedizione o consegna a domicilio, mantenendo chiusi  i propri locali.

RIASSUMENDO, SECONDO LA PREFETTURA DI VENEZIA, IN ZONA ROSSA LE ACCONCIATRICI ED ESTETISTE, COMUNQUE IN POSSESSO DI TITOLO AMMINISTRATIVO PER ATTIVITA’ DI COMMERCIO,  POSSONO VENDERE I PRODOTTI SOLO MEDIANTE SPEDIZIONE O CON CONSEGNA A DOMICILIO, MA NON PRESSO IL PROPRIO NEGOZIO.

SI INFORMA, TUTTAVIA, CHE IN VIA UFFICIOSA  AVEVAMO AVUTO PRECEDENTI CONTATTI CON TUTTE LE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DEL TERRITORIO  E I RELATIVI COMANDI DI POLIZIA LOCALE, I QUALI, DIFFORMEMENTE AL SUCCESSIVO PARERE DELLA  PREFETTURA,  CONCORDAVANO NELL’INDIVIDUARE, PRESSO I VOSTRI SALONI, UN ESERCIZIO DI VICINATO PER LA VENDITA DI PRODOTTI DI PRIMA NECESSITA’ (come da allegato 23), ALLA PARI DI UNA PROFUMERIA E QUINDI RITENEVANO POSSIBILE UNA VENDITA DI PRODOTTI DI COSMESI IN SALONE, INIBENDO LA SOLA ATTIVITA’ ARTIGIANA E NON L’ACCESSO AI LOCALI COME, DI FATTO, HA INVECE IMPOSTO LA PREFETTURA.

CONSTATATI I DUE PARERI DISCORDANTI, SI RICORDA CHE IL PIU’ ALTO ORGANO TRA QUESTI è LA PREFETTURA – UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO ED ORGANO CHE ACCOGLIE IL RICORSO DELL’EVENTUALE ATTIVITA’ SANZIONATA, PERTANTO RITENIAMO DI DOVERSI ATTENERE ALL’INTERPRETAZIONE DA ESSA DATA AL DPCM 2 MARZO 2021.

Per scaricare il testo del elenco attività commerciali permesse clicca qui


Per scaricare il modulo di autocertificazione clicca qui