Bandi e Contributi

Pubblicato il nuovo bando ISI 2023 per investimenti 2024

24 Gennaio 2024

Contributi A FONDO PERDUTO del 65% dall’INAIL per il miglioramento DOCUMENTATO dei livelli di salute e sicurezza sul posto di lavoro

Pubblicato nella Gazzetta ufficiale italiana n. 296 del 20 dicembre 2023 l’estratto dell’avviso pubblico per il bando Isi 2023.

L’Inail mette a disposizione 500 milioni euro in finanziamenti a fondo perduto per la realizzazione di progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Rimane lo stesso l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti.

Destinatarie degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Risorse economiche destinate ai finanziamenti:
49.839.752,00 euro per il Veneto (anzichè i 22.525.673,00 euro del Bando 2022)

Progetti ammessi a finanziamento:
Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto ricomprese in 5 Assi di finanziamento:

  • Progetti per la riduzione dei rischi tecnopatici (rischio chimico, rumore, vibrazioni meccaniche, movimentazione manuale persone e carichi)  – Asse di finanziamento 1;
  • Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (UNI EN ISO 45001:2023, ecc.) – Asse di finanziamento 1;
  • Progetti per la riduzione dei rischi infortunistici (caduta dall’alto, sostituzione macchine, spazi confinati, ecc.) – Asse di finanziamento 2;
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (rimozione coperture in amianto e rifacimento; rimozione coperture e controsoffitti e rifacimento copertura) – Asse di finanziamento 3;
  • Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (vedi i codici ateco – riduzione del rischio infortunistico mediante sostituzione di macchine e di apparecchi elettrici) – Asse di finanziamento 4;
  • Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli – Asse di finanziamento 5.

Agevolazione:

Il contributo a fondo perduto è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’iva, come di seguito riportato:

  • per gli Assi 1 (1.1 e 1.2), 2, 3, 4 nella misura del 65% dell’importo delle spese ritenute ammissibili
  • per l’Asse 5 (5.1 e 5.2) nella misura:
    65% per i soggetti destinatari del sub Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole);
    80% per i soggetti destinatari del sub Asse 5.2 (giovani agricoltori).

L’ammontare del contributo è compreso tra un importo minimo di 5.000,00 euro e un importo massimo erogabile pari a 130.000,00 euro (non è previsto il limite minimo di finanziamento per le imprese che hanno meno di 50 dipendenti che presentino progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale). 

Le spese ammesse a contributo devono:

  • essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data di chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda
  • devono essere relative a progetti realizzati nei luoghi di lavoro nei quali è esercitata l’attività lavorativa al momento della domanda
  • devono essere riferite a lavorazioni già attive
  • non possono riguardare ampliamenti della sede produttiva nè l’acquisto di beni usati.

Modalità e tempistiche di presentazione della domanda:
Sul portale Inail – nella sezione Accedi ai Servizi Online – le imprese avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà loro, attraverso un percorso guidato, di inserire la domanda di agevolazione.

La domanda compilata e registrata, esclusivamente in modalità telematica, dovrà essere inoltrata allo sportello informatico per l’acquisizione dell’ordine cronologico, secondo quanto riportato nel documento “Regole Tecniche e modalità di svolgimento”.

Le domande di finanziamento registrate per un determinato Asse/regione in cui le risorse economiche complessivamente stanziate risultino sufficienti a soddisfare tutte le richieste di finanziamento in elenco sono direttamente ammesse alla fase di upload della documentazione a completamento della domanda . Tali domande verranno riportate negli elenchi regionali/provinciali (elenchi No Click Day – NCD).
Le domande ammesse agli elenchi cronologici dovranno essere confermate, a pena di decadenza dal beneficio, attraverso l’apposita funzione online di upload/caricamento della documentazione, come specificato negli Avvisi regionali/provinciali.
Le date di apertura e chiusura della procedura informatica saranno pubblicate sul portale dell’Istituto entro il 21 febbraio p.v.

Per info e assistenza contatta
Claudia Poles: 0421 335501 claudia.poles@artigianisandona.it