Sindacale

La rivincita delle lavanderie tradizionali: la nostra importanza per il Paese e per la lotta al coronavirus.

24 Aprile 2020

Lettera aperta del Presidente Carlo Zanin

“Cari colleghi, in questa stagione così difficile per la nostra Nazione e per il mondo intero, credo valga la pena raccogliere quanto questa emergenza sanitaria, del tutto straordinaria, abbia portato in termini di consapevolezza e di importanza alla nostra categoria: siamo strategici e significativi nella lotta alla diffusione del COVID-19“. Queste le parole del Presidente di Confartigianato Pulitintolavanderie, Carlo Zanin. 

La Johns Hopkins University ha illustrato in modo chiaro le caratteristiche del COVID-19, una molecola proteica (DNA) coperta da uno strato protettivo di lipidi (grassi), quindi l’unica cosa che lo protegge è un sottile strato esterno di grasso.

Per tali ragioni l’azienda tedesca Richard Geiss GmbH,  tra i leader europei nella produzione dei solventi, ha elaborato una nota tecnica molto interessante: premesso che il COVID-19 in quanto virus è avvolto da uno strato lipidico quindi è sensibile all’ETERE, al CLOROFORMIO, e ai SOLVENTI, visto che la gran parte delle lavanderie tradizionali sono dotate di almeno una macchina da lavaggio che utilizza tali solventi, l’azione di lavaggio con queste macchine rende inattivo il virus rendendo il lavaggio a secco e le lavanderie tradizionali, elementi significativi nella lotta alla diffusione del COVID-19.

Le pulitintolavanderie artigiane tradizionali, nei loro processi di lavaggio, si avvicinano di molto alla sanificazione dei capi che vengono loro affidati, non solo alla distruzione del virus. Lo possiamo affermare con certezza grazie a dei test microbiologici che hanno dimostrato come tutti i principali metodi di lavaggio professionale hanno un’elevata efficacia di abbattimento per i più diffusi ceppi microbici. 

Il Presidente della categoria invita pertanto a sottolineare nei Vostri territori, come aziende e come referenti territoriali di categoria, la professionalità del settore ed il contributo che i Vostri laboratori possono fornire, soprattutto in questo momento. 

Bisogna ricordare inoltre alla clientela che le lavanderie sono luoghi di pulizia e non di contaminazione, poichè vengono rispettate le indicazioni ministeriali finalizzate a contenere al massimo il rischio legato al Coronavirus:

  • uso di guanti e mascherina;
  • distanziamento sociale di almeno 1 metro dal cliente al banco;
  • sanificazione quotidiana degli ambienti, delle attrezzature e degli arredi;
  • accesso scaglionato dei clienti uno alla volta;
  • messa a disposizione di prodotti per igienizzare le mani a disposizione dei clienti.

Clicca qui per leggere la lettera aperta del Presidente Carlo Zanin

Clicca qui per scaricare la nota tecnica della Richard Geiss GmbH

Clicca qui per scaricare il cartello sull’efficacia dei lavaggi

Per ulteriori informazioni contattare l’Associazione:

Chiara Franchin – Tel. 0421 335415 – chiara.franchin@artigianisandona.it