Sindacale

EMERGENZA COVID-19: VENETO IN ZONA ARANCIONE dal 6 aprile

6 Aprile 2021

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 1 Aprile n. 44 che di fatto proroga le misure per le zone Rosse e Arancione ed elimina le zone Gialle e Bianche sino al 30 Aprile,

Firmata anche  l’ordinanza del Ministero della Sanità che, in base ai dati del monitoraggio settimanale effettuato dell’Istituto Superiore di Sanità, nonché del parere espresso dal CTS,  assegna la zona di rischio Arancione al Veneto  a partire dalle ore 00.00 di martedì 6 aprile 2021.

Si ricordano  di seguito, le principali norme  in vigore, da tale data,
per le zone ARANCIONE: 

 SPOSTAMENTI (sempre con autocertificazione)

• Vietati gli spostamenti dalle 22.00 alle 5.00 del mattino e quelli fuori dal proprio Comune e dalla propria Regione.
• Restano sempre le eccezioni per motivi di necessità, lavoro o salute.
• Sono permesse deroghe per ritornare ai luoghi di residenza, domicilio o abitazione.
Comuni sotto i 5 mila abitanti
• Nei piccoli comuni con massimo 5.000 abitanti sono consentiti spostamenti in un raggio di 30 km con divieto di spostamento nei capoluoghi di provincia.

Spostamenti verso abitazioni private
• È consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata che si trova nello stesso Comune, tra le 5.00 e le ore 22.00, a un massimo di due persone ulteriori a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono.

BAR E RISTORAZIONE
• Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie)
• Nessuna restrizione per la ristorazione con consegna a domicilio.
• Fino alle 22.00 resta consentita la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici Ateco 56.3 (bar e altri esercizi simili senza cucina) l’asporto è consentito fino alle 18.

 SERVIZI ALLE PERSONE

• Aperte  le attività di barbieri, parrucchieri, estetiste e tatuatori

ATTIVITÀ COMMERCIALI AL DETTAGLIO E CENTRI COMMERCIALI
• Esercizi commerciali tutti aperti, con i consueti orari, nel rispetto dei protocolli e delle misure anti contagio.
• Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie

SCUOLA
• Nidi e infanzia in presenza
• Scuola primaria in presenza
• Scuola media in presenza
• Scuole secondarie superiori in presenza al 50% e fino ad un massimo del 75%

Viene raccomandato alle aziende di ricorrere al lavoro agile (Smart Working) nella percentuale più alta possibile

Rimangono ancora SOSPESE

  • le attività di palestre, piscine, centri benessere, centri termali.
  • le attività di cinema , teatrimuseibiblioteche,gallerie d’arte, centri sociali e ricreativi, parchi tematici e di divertimento, sale giochi, sale scommesse, bingo e casinò anche all’interno di locali con attività differenti.
  • Eventi, congressi, spettacoli dal vivo , discoteche.

 per scaricare il modulo di autocertificazione clicca qui