Sindacale

COVID-19: DPCM 03/11/2020 – il VENETO in zona GIALLA

5 Novembre 2020

Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale in vigore dal 06/11/2020

Il nuovo DPCM 03/11/2020 ha parzialmente  variato il precedente del 24/10, introducendo delle norme più restrittive per le aree a rischio prevedendo tre livelli :giallo, arancione, rosso.

Il Veneto è stato inserito, dall’ordinanza del Ministero della Sanità di ieri 4 novembre, in zona gialla, quella  della maggior parte delle regioni italiane, area nelle quale sono riconfermate  le limitazioni già in essere con il precedente provvedimento, con alcune modifiche relative agli spostamenti in orari notturni e ulteriori modalità che elenchiamo ed evidenziamo di seguito.

Su tutto il territorio nazionale, salvo le più stringenti restrizioni introdotte per i territori a maggior rischio ( arancio e rosso), dalle ore 22:00 fino alle ore 5:00 del giorno successivo, gli spostamenti sono consentiti soltanto per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, ovvero per motivi di salute.

Per la restante parte della giornata resta fortemente raccomandato di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, studio, motivi di salute, situazioni di necessità, o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.

Nelle strade o piazze nei centri urbani dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta per tutta la giornata o in determinate fasce orarie la chiusura al pubblico, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.

E’ riconfermato per tutti i locali pubblici o aperti al pubblico e per tutti gli esercizi commerciali l’obbligo di esporre, all’ingresso del locale, un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.

Le attività commerciali al dettaglio si svolgono alle medesime condizioni del DPCM del 24 ottobre, ma nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) continuano a svolgersi alle stesse condizioni del DPCM del 24 ottobre ( tra le ore 05.00 e le 18.00) , ma la ristorazione con asporto viene consentita fino alle ore 22.00 (e non più fino alle 24.00), allineandola al nuovo divieto di spostamento dopo le 22.00. Resta fermo, dopo le ore 18.00, il divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze (comma 9, lett. gg). Viene confermato che la vendita a domicilio è sempre consentita.

Si precisa che la sospensione delle attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò include anche le attività svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente ( es corner nei pubblici esercizi ).

I corsi di formazione pubblici e privati possono svolgersi solo con modalità a distanza. Sono confermati in presenza i corsi di formazione da effettuarsi in materia di salute e sicurezza.  

Quali novità sono sospese le mostre ed i servizi di apertura al pubblico di musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici e complessi monumentali.

A bordo dei mezzi del trasporto pubblico locale e del trasporto ferroviario regionale, esclusi gli scuolabus, è consentito un coefficiente di riempimento non superiore al 50% della capacità. Detto coefficiente sostituisce quelli diversi previsti nei protocolli e linee guida vigenti.

Restano sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e per le attività riabilitative o terapeutiche, nonché i centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

Fermo restando la sospensione delle attività di piscine e palestre, l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere sono consentite se svolte all’aperto, presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, con la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni.

Sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni ‒ riconosciuti di interesse nazionale con provvedimento del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e del Comitato italiano paralimpico (CIP) ‒ riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico.

L’attività didattica ed educativa per la scuola dell’infanzia, per quella primaria e secondaria di primo grado (medie) e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza, con uso obbligatorio continuo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, salvo che per i bambini di età inferiore a 6 anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.
Per le scuole superiori solo didattica a distanza.

 E’ sospeso lo svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni, ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata solo su basi curriculari ovvero in modalità telematica, nonché ad esclusione dei concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale e per la protezione civile.

Per scaricare il testo del DPCM 03/11/2020 clicca qui. 

Per scaricare l’ Ordinanza del Ministero della Salute 04/11/2020 clicca qui

Per scaricare il nuovo cartello per la vendita d’asporto clicca qui

Per scaricare il cartello delle persone ammesse nei locali clicca qui