Sindacale

Cosa cambia dal 1° di Maggio ?

29 Aprile 2022

Nuove norme per uscire dal periodo di Emergenza COVID-19

E’ opportuno precisare che le disposizioni relative ai cittadini, consumatori e clienti sono diverse da quelle dei lavoratori delle aziende private e pubbliche.
Per i primi si applicano le norme generali e le linee guida del Ministero della Sanità (valide sino al prossimo 31/12/2022), mentre per i lavoratori si applicano, oltre alle linee guida per i settori previsti, i protocolli d’intesa tra sindacati ed imprese tramite i protocolli aziendali di prevenzione che saranno oggetto di modifiche in un incontro programmato per il prossimo 4 Maggio.

L’ordinanza del Ministro della Salute, predisposta ieri, dovrebbe essere pubblicata in giornata in G.U. e dovrebbe prevedere:

MASCHERINA

Per i lavoratori l’obbligo generale d’uso della mascherina nei luoghi di lavoro rimane certamente per tutti sino al prossimo 4 maggio.
Tale obbligo è dettato dai protocolli aziendali in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, che si riferiscono agli accordi Sindacati/Azienda sottoscritti nell’aprile del 2020 e rinnovati lo scorso anno.
Pertanto i lavoratori sono obbligati a rispettare le norme indicate nei piani aziendale, riferibili a tali norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (Dlgs 81/2008).
Le parti sociali si sono date appuntamento il prossimo 4 maggio per procedere ad una revisione di tale accordo.
Indicazioni informali indurrebbero ritenere che i nuovi accordi prevederanno una discrezionalità al singolo datore di lavoro, il quale potrà prevedere o non prevedere, per gli addetti della propria azienda, l’uso delle mascherine durante l’attività lavorativa, identificando anche solo particolari tipi di attività escluse o incluse all’uso.
Essendo le norme riferite alla salute e sicurezza dei lavoratori (Legge 81/2008) tali obblighi, indicati nei piani aziendali, dovranno essere ottemperati dai lavoratori che potrebbero essere sanzionati disciplinarmente, con le norme contrattuali, in caso di mancato rispetto.

Sempre per i lavoratori, ma in alcuni casi anche per i clienti (esempio : parrucchiere – estetiste –tatuatori) sono da applicare le indicazioni previste dalle linee guida di settore pubblicate in G.U. ad inizio aprile e valide sino al 31 dicembre 2022.
Per i servizi alla persona le linee guida prevedono l’obbligo dell’uso della mascherina sia per i prestaori del servizio che per i clienti.

OBBLIGO di mascherina FFP2, fino al 15 giugno, a bordo di tutti i mezzi di trasporto pubblico locale e a lunga percorrenza

OBBLIGO di mascherina FFP2, fino al 31 maggio per assistere a spettacoli ed eventi sportivi al chiuso, tra questi locali quali cinema, teatri, sale concerto, palazzetti dello sport e per visitatori delle strutture sanitarie e socio sanitarie, delle RSA, hospice centri riabilitativi.

OBBLIGO di mascherina per gli studenti dai sei anni in su fino a fine anno scolastico.

NON è previsto OBBLIGO all’uso di mascherine in tutti i luoghi aperti al pubblico, uffici, negozi, supermercati, ristoranti, bar, stadi e spettacoli all’aperto. Il provvedimento però prescrive una RACCOMANDAZIONE generale all’uso, con attenzione per determinate condizioni (assembramento) che non permettono il rispetto delle distanze interpersonali minime di sicurezza, che rimangono in essere ( 1 metro/ 2 metri in casi particolari).

GREEN PASS

Dal 1° maggio, non cessa di esistere, continuerà ad essere necessario per i viaggi all’estero, ma non sarà più richiesto in Italia in alcun luogo o attività, sia per cittadini/consumatori che per lavoratori, con l’unica eccezione per le visite a pazienti in Ospedale e Rsa, dove sarà necessario esibire il super Green Pass sino al 31/12/2022.

OBBLIGO VACCINAZIONE

L’obbligo di vaccinazione resterà in vigore sino al 15 Giugno per insegnanti, personale scolastico, forze dell’ordine e per gli over 50. Pertanto per questi soggetti il percorso vaccinale, compresa la somministrazione di dose booster , deve essere garantito, pena sanzione di 100 euro.
Per il settore sanitario (medici, infermieri, personale sanitario, operatori di Rsa). l’obbligo di vaccinazione è fissato al
31/12/2022 ed è requisito indispensabile perle attività lavorative.

SMART WORKING

Rimane, sino al 30 giugnoee nel solo settore privato, l’uso della procedura semplificata per il lavoro agile.