Bandi e Contributi

ARTIGIANI Bandi – Contributi INAIL del 65% a fondo perduto per investimenti sulla sicurezza e salute sul posto di lavoro

22 Aprile 2021

Anche per il 2021 l’INAIL finanzia con contributi a fondo perduto le spese sostenute dalle imprese per realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti. 

Per “miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro” si intende il miglioramento documentato delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti, riscontrabile con quanto riportato nella valutazione dei rischi aziendali.

STANZIAMENTO REGIONE VENETO: Euro 16.774.324,00

Il bando prevede 4 Assi di finanziamento, in base ai destinatari:

  • Asse 1 (7.915.511,00 euro):
  • Asse 1.1 (7.758.131,00 euro): Progetti di investimento (riduzione del rischio chimico, rumore, derivante da vibrazioni meccaniche, biologico, di caduta dall’alto, sismico, ecc.)*
  • Asse 1.2 (157.380,00 euro): Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • Asse 2 (3.513.120,00 euro): Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC);
  • Asse 3 (4.940.097,00 euro): Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  • Asse 4 (405.596,00 euro): Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attivitàdel settore PESCA (codice ATECO 2007: A03.1) e FABBRICAZIONE MOBILI (codice ATECO 2007: C31).

*Per quanto riguarda i progetti di investimento, tra le tipologie di progetto finanziabili ci sono ad esempio:

Riduzione del rischio chimico: progetti di riduzione o eliminazione del rischio che prevedono l’acquisto e l’installazione di:

a. impianti di aspirazione e captazione gas, fumi, nebbie, vapori o polveri

b. cappe di aspirazione

c. cabine di verniciatura/spruzzatura/carteggiatura

d. sistemi di isolamento dell’operatore (glove box, sistemi di caricamento agenti chimici, ecc.)

e. altre macchine e/o impianti

Riduzione del rischio rumore mediante la realizzazione di interventi ambientali. Progetti di riduzione del rischio mediante l’acquisto e l’installazione di:

a. pannelli fonoassorbenti

b. cabine

c. cappottature

d. schermi acustici

e. separazioni

f. silenziatori

g. sistemi antivibranti

h. trattamenti ambientali

Riduzione del rischio derivante da vibrazioni meccaniche. Sono finanziabili le seguenti tipologie di macchine per la riduzione del rischio:

a. martelli demolitori

b. perforatori

c. picconatori elettrici, idraulici, pneumatici

d. seghe e motoseghe

e. decespugliatori, tagliaerba

f. motocoltivatori

g. chiodatrici

h. compattatori vibro-cemento

i. limatrici, levigatrici orbitali e smerigliatrici

l. cubettatrici

m. ribattitrici

n. trapani a percussione e avvitatori ad impulso

Riduzione del rischio infortunistico mediante la sostituzione di macchine obsolete. Sono finanziabili i progetti che soddisfano le seguenti condizioni:

le macchine di cui è prevista la sostituzione devono essere state immesse sul mercato antecedentemente alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento della direttiva 98/37/CE (ex 89/392/CEE e s.m.i.)

Riduzione del rischio infortunistico mediante la sostituzione di macchine non obsolete. Sono finanziabili i progetti che soddisfano le seguenti condizioni:

a) le macchine di cui è prevista la sostituzione devono essere state immesse sul mercato antecedentemente alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento della direttiva 2006/42/CE e devono essere conformi alla direttiva 98/37/CE (ex 89/392/CEE e s.m.i.)

b) le macchine sostituite devono essere alienate dall’impresa secondo una delle seguenti modalità:

i) rottamazione;

ii) permuta presso il rivenditore con il quale si perfeziona l’acquisto.

Sono ammissibili le spese direttamente necessarie all’intervento, nonchè quelle accessorie o strumentali funzionali alla sua realizzazione e indispensabili per la sua completezza (es: perizia asseverata, direzione lavori, ecc.)

CONTRIBUTOPer gli Assi 1, 2, 3 il contributo è pari al 65% delle spese ammesse, al netto dell’Iva, con i seguenti limiti:

  • Assi 1, 2, 3, fino al massimo erogabile di 130.000,00 Euro ed un finanziamento minimo ammissibile pari a 5.000,00 Euro (ad esclusione delle imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale)
  • Asse 4, fino al massimo erogabile di 50.000,00 Euro ed un finanziamento minimo ammissibile pari a 2.000,00 Euro.

Per i progetti che comportano contributi superiori a € 30.000,00 Euro è possibile richiedere un’anticipazione del 50% dell’importo del contributo stesso, presentando fideiussione bancaria o assicurativa.

Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data di chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda.

Per la presentazione delle domande di contributo la procedura sarà con click-day e sarà esclusivamente in modalità telematica a partire dal 1 giugno al 15 luglio 2021 (entro le 18).

Le domande ammesse agli elenchi cronologici dovranno poi essere confermate attraverso caricamento della documentazione richiesta.

Le aziende interessate possono contattare l’Associazione ENTRO IL 21 MAGGIO:
Claudia Poles – Tel. 0421 335501, claudia.poles@artigianisandona.it